Comune di Sant'Agata Feltria
Provincia di Rimini
 

Sede

Piazza Garibaldi, 35 47866 Sant'Agata Feltria
Tel. 0541 929613/929714
Fax 0541 848591
e-mail

P.I. 00374620417
Cod.Fisc. 80008730410

Territorio: Kmq 79,40
Altitudine: 607 metri slm
Abitanti: 2349 (31.12.05)

URP

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Tel. 0541 929613/929714
Fax 0541 848591

Per informazioni, segnalazioni, reclami e suggerimenti:

------------------------------
e-mail

Pagamenti: Tesoreria e IBAN

Tesoreria presso: UBI BANCA Sant'Agata Feltria
IBAN:  IT 38 I 03111 68460 000000003772
intestato a: COMUNE DI SANT’AGATA FELTRIA piazza Garibaldi 35

PostaCertificat@

comunesantagatafeltria@legalmail.it

Notizie

nessuna news in questa lista.

Bandi, concorsi, avvisi, ...

  • Avvisi 04/06/16
    Avvisi - Avviso aggiudicazione definitiva "Ristrutturazione con miglioramento sismico della scuola primaria e secondaria di primo grado Padre Agostino da Montefeltro" [leggi]
  • Avvisi 23/02/16
    Avvisi - Indagine esplorativa per affidamento di servizi inerenti la realizzazione e l’adeguamento di studi di microzonazione sismica nei comuni dell'Unione Valmarecchia [leggi]
  • Avvisi 12/10/13
    Avvisi - Selezione mediante cottimo fiduciario per fornitura a noleggio, con installazione, di velox in postazione fissa [leggi]
  • Avvisi 17/12/12
    Avvisi - Moving Generation [leggi]
  • Concorsi 31/12/11
    Concorsi - Bando di concorso pubblico - Annullato in autotutela con determinazione n. 6/2012 [leggi]
  • Avvisi 02/05/11
    Avvisi - Regolamenti gestione verde pubblico e privato [leggi]

Pro Loco di Sant'Agata Feltria

Pro-loco di Sant'Agata Feltria
p.zza Garibaldi, 20
Sant'Agata Feltria

Orari dell'Ufficio Turistico:
Pomeriggio: dalle 15:30 alle 18:00

Domenica: dalle 10:00 alle 12:00
                   dalle 15:30 alle 18:00

Giorno di chiusura: Lunedì

Info: 0541 848022

E-mail: info@santagatainfiera.com

Informazioni Turistiche [link]

Protezione civile Sant'Agata Feltria

Unione dei Comuni Valle del Marecchia [link]

CORONAVIRUS - Il decreto che blocca le attività non essenziali

Covid19: É stato firmato domenica 22 marzo 2020 il decreto che definisce le attività essenziali che potranno continuare a essere aperte (qui l’elenco completo) dopo la nuova stretta del Governo legata all’emergenza coronavirus.

Il decreto è in vigore da lunedì 23, le aziende avanno tempo per completare la chiusura fino a mercoledì 25. Definito l’elenco di quelle essenziali tenendo conto delle osservazioni delle imprese.

Vietati gli spostamenti dal comune in cui ci si trova.

CORONAVIRUS - Ulteriori misure restrittive per l'intero territorio della provincia di Rimini

Covid19: Ordinanza Regionale n. 45 del 21 marzo 2020

Chiusura al pubblico dei cimiteri comunali, sospensione nei giorni festivi di tutte le attività di commercio al dettaglio e all’ingrosso, comprese le attività di vendita di prodotti alimentari, sospesi i mercati ordinari e straordinari, ecco la nuova ordinanza a firma del Presidente con cui la Regione Emilia Romagna precisa e integra le misure già adottate per il contrasto alla diffusione del Coronavirus.

“Ferme restando le misure statali, regionali e comunali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti - si legge nel provvedimento odierno - sono adottate le seguenti, ulteriori misure: 

Chiusura al pubblico dei cimiteri comunali, garantendo, comunque, l’erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione, cremazione delle salme.
Ad esclusione di farmacie e parafarmacie, nei giorni festivi sono sospese tutte le attività di commercio al dettaglio e all’ingrosso, comprese le attività di vendita di prodotti alimentari, sia nell’ambito degli esercizi di vicinato che delle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali o in gallerie commerciali.
Sono sospesi i mercati ordinari e straordinari, i mercati a merceologia esclusiva, i mercatini e le fiere, compresi i mercati a merceologia esclusiva per la vendita di prodotti alimentari e più in generale i posteggi destinati e utilizzati per la vendita di prodotti alimentari.
Le disposizioni del presente decreto producono effetto a partire dalla data del 22 marzo 2020 e sino al 3 aprile 2020.

CORONAVIRUS - Ordinanza regionale: ulteriori misure restrittive per l'intero territorio della provincia di Rimini

Covid19: Ordinanza Regionale n. 44 del 20.03.2020

Nella serata di oggi il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha firmato un’ordinanza in tema di misure per la gestione dell'emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da covid-19 contenente nuove disposizioni relative al territorio della provincia di Rimini.

Ferme restando le misure statali, regionali e comunali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, con riferimento al territorio della Provincia di Rimini, sono adottate le seguenti, ulteriori misure: 

  1. È disposta la sospensione delle attività produttive di beni e servizi da parte di persone fisiche e aziende sul territorio della Provincia di Rimini ad esclusione di: 
    • attività produttive di beni alimentari e di quelle attività produttive di beni con accertate esigenze di produzione finale e di spedizione di prodotti giacenti in magazzino, a condizione che operino esclusivamente attraverso l’attuazione di idonei protocolli organizzativi e operativi, previa redazione di specifici DOCUMENTI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi del D.Lgs. n.81/2008 che prevedano misure di prevenzione del contagio quali: 
      1. impiego di personale prioritariamente proveniente dal distretto sanitario della Provincia di Rimini in cui ha sede l’azienda; 
      2. utilizzo di ogni dispositivo di protezione specifica dal contagio necessario (mascherine, guanti e kit); 
      3. sistematica sanificazione degli ambienti di lavoro; 
      4. rispetto della distanza tra le persone superiore a 1,5 metri; 
      5. scaglionamenti degli orari di ingresso per impedire afflussi di personale in contemporanea;
      6. impiego del personale in presenza strettamente limitato al contingente essenziale alle attività sopra indicate e ampio ricorso al lavoro a distanza e smart working;
      7. chiusura di spogliatoi e luoghi di aggregazione all’interno e all’esterno delle strutture produttive;
      8. divieto di riunioni sia all’esterno e all’interno dell’azienda con presenza fisica;
      9. chiusura degli accessi alle persone che non hanno rapporto di lavoro con le aziende. 
  2. Sono escluse dall’obbligo di chiusura le attività di produzione di servizi urgenti per le abitazioni (idraulici, elettricisti, ecc.) e quelle indispensabili per consentire la mobilità mediante uso degli automezzi di automazione (meccanici, elettrauti, gommisti ecc.), quelle strumentali all’erogazione dei servizi pubblici e all’attività delle pubbliche amministrazioni. 
  3. È ammesso esclusivamente l’esercizio delle seguenti attività: negozi di generi alimentari, farmacie e parafarmacie, fornai, rivenditori di mangimi per animali, edicole, distributori di carburante per autotrazione ad uso pubblico, commercio al dettaglio di materiale per ottica, produzione agricola e allevamento, servizi di rifornimento dei distributori automatici di sigarette, servizi di rifornimento delle banconote agli sportelli dei Bancomat e Postamat, attività di trasporto connesse al rifornimento di beni essenziali. 
  4. L’accesso ai luoghi di esercizio commerciale ammesso, al fine di limitare al massimo la concentrazione di persone, va eseguito da un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori, disabili o anziani. 
  5. È ammessa l’attività agricola svolta con personale residente o comunque presente nel territorio provinciale. 
  6. Sono esclusi dai presenti divieti le attività dei presidi sociosanitari quali presidi ospedalieri, case della salute, luoghi di cura privati esistenti. 
  7. Sono sospesi tutti i cantieri di lavoro ad eccezione di quelli urgenti connessi alla messa in sicurezza del territorio e a quelli relativi ad opere pubbliche di somma urgenza e di ripristino dei luoghi pubblici. 
  8. Chiusura al pubblico dei cimiteri comunali, garantendo, comunque, la erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione, cremazione delle salme. 
  9. Sono comunque garantiti il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti ed il servizio di consegna a domicilio di farmaci e generi alimentari per le persone in isolamento domiciliare fiduciario. 
  10. Chiusura al pubblico di parchi pubblici, orti comunali, aree di sgambamento cani, arenili in concessione e liberi, aree in adiacenza al mare, lungomari, aree sportive a libero accesso, servizi igienici pubblici e privati ad uso pubblico e divieto di utilizzo delle relative strutture, aree attrezzate per attività ludiche. 
  11. Riprogrammazione temporanea del servizio di trasporto pubblico locale con eventuale soppressione delle corse o rimodulazione degli orari da parte dell'agenzia AMR in accordo con l'operatore di trasporto, garantendo i livelli essenziali di mobilità pubblica e limitatamente al territorio provinciale di Rimini. 

Gli effetti della presente ordinanza decorrono dalle ore 24 del 20 marzo 2020 e sino al 3 aprile 2020, ad eccezione delle misure di cui al punto 1 i cui effetti decorrono dalle ore 24 del 22 marzo e sino al 3 aprile 2020.

CORONAVIRUS - Ordinanza del Ministro della salute 20.03.2020

Covid19 - aggiornamento 20 marzo - Ordinanza del Ministero della Salute

Il Ministro alla salute Roberto Speranza ha emesso una nuova ordinanza per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 contenente ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale.

In particolare all’articolo 1 viene prescritto esplicitamente:

  1. è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
  1. non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
  2. sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consunarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  3. nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Le disposizioni della presente ordinanza producono effetto dalla data del 21 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020.

CORONAVIRUS - Ordinanza regionale n. 41: chiusura parchi e giardini

CORONAVIRUS - Decreto Legge Cura Italia

Decreto “Cura Italia"

Entrato in vigore il 17 marzo 2020 il Decreto Legge n.18 cd “Cura Italia”

CORONAVIRUS - Nuovo modulo di autocertificazione

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato l’aggiornamento del modulo di autodichiarazione, da scaricare in pdf, stampare e compilare da parte di chi viaggia per lavoro o per altre situazioni di necessità. Presentare l’autocertificazione alle autorità preposte è obbligatorio in attuazione del DPCM del 9 marzo 2020 che, allo scopo di contenere l’epidemia del coronavirus covid 19, ha esteso il divieto di mobilità (e la zona arancione) a tutto il territorio nazionale.

Per questo motivo, contrastare l’impennata di positività alla covid-19, in tutta Italia saranno vietati gli spostamenti non necessari, a meno che non si rientri in una delle seguenti 4 casistiche:

  • comprovate esigenze lavorative, 
  • ragioni di salute,
  • situazioni di necessità
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Potete scaricare al questo link il nuovo modello di autocertificazione in pdf, da mostrare in caso di controlli a campione, per giustificare il proprio spostamento e dimostrare il proprio permesso di circolazione. Nella nuova versione è anche necessario dichiarare di non essere sottoposti a misure di quarantena e di non essere risultati positivi a Covid 19.

 

 

CORONAVIRUS - Ordinanza del sindaco n. 7 del 13 marzo 2020

CORONAVIRUS - D. P.C.M. 11 marzo 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

Con il DPCM 11/03/2020 il governo ha attuato ulteriori misure per contrastare e contenere il diffondersi del COVID-19.
Sono state sospese le attività commerciali al dettaglio con esclusione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1 del DPCM in oggetto, riportato in calce.
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.
Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2, riportato in calce
Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.
In ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:
sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;
in relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 7 e 8 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.
Per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.

Allegato 1

Commercio al dettaglio
Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Allegato 2
Servizi per la persona

Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
Attività delle lavanderie industriali
Altre lavanderie, tintorie
Servizi di pompe funebri e attività connesse

Settore Tecnico - Nuove modalità di accesso agli uffici comunali

[Download] Avviso emergenza coronavirus

CORONAVIRUS - Le nuove misure in Emilia-Romagna

Il decreto del  9 marzo 2020    ha esteso a tutto il territorio nazionale le misure di contenimento che il decreto dell'8 marzo aveva introdotto per alcune aree del Paese.
L'ordinanza regionale del 10 marzo 2020  ha integrato i provvedimenti assunti dal Governo, estendendo ulteriormente alcune limitazioni sul territorio regionale.

 

LE MISURE FINO AL 3 APRILE

 

ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI   leggi qui

 

COSA FARE?   leggi qui

 

Evitare gli spostamenti
Sia in entrata che in uscita dai territori, nonché all'interno degli stessi, alle persone si chiede di spostarsi solo per:
- esigenze lavorative
- situazioni di necessità
- motivi di salute.
È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
La persona che si sposta per una delle ragioni sopra indicate, attesta il motivo  attraverso una autodichiarazione, che potrà essere resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia.
La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella indicata dal Dpcm 8 marzo 2020 (articolo 650 del Codice penale: inosservanza di un provvedimento di un’autorità), salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave.

Il mancato rispetto degli obblighi è punito ai sensi dell’art 650 del Codice Penale.
Libertà di spostamento per lavoratori e merci.

Il Governo ha chiarito come non esistano restrizioni per la mobilità dei lavoratori e delle merci né all’interno del Paese né tra il nostro Paese e gli altri.


Dunque, chi deve spostarsi per ragioni di lavoro lo può fare, ovviamente purché siano motivate. È quindi garantito il diritto a lavorare per chi è in buona salute, non presenta sintomi né debba rispettare il periodo di quarantena. Con l’avvertenza, va sottolineato, che si tratti sempre di spostamenti per ragioni di lavoro o di necessità.
È possibile uscire per fare la spesa: sbagliata la corsa ai supermercati

Dunque, non esiste il divieto di uscire di casa, ma lo si deve fare solo per esigenze lavorative, sanitarie o di sussistenza, come fare la spesa.

È lo stesso Governo a chiarirlo in una nota ufficiale, dove si dice: “Il decreto del Presidente del Consiglio firmato oggi prevede la possibilità di uscire di casa per motivi strettamente legati al lavoro, alla salute e alle normali necessità, quali, per esempio, recarsi a fare la spesa. Non è prevista la chiusura dei negozi di generi alimentari, che anzi rientrano tra le categorie che possono sempre restare aperte. Non è necessario e soprattutto è contrario alle motivazioni del decreto, legate alla tutela della salute e a una maggiore protezione dalla diffusione del Covid-19, affollarsi e correre ad acquistare generi alimentari o altri beni di prima necessità che potranno in ogni caso essere acquistati nei prossimi giorni. Non c’è alcuna ragione di affrettarsi perché sarà garantito regolarmente l’approvvigionamento alimentare”.
 

CORONAVIRUS - DPCM648-2020 #iorestoacasa

#iorestoacasa


Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, il DPCM 648 del 9 marzo 2020 estende al resto d’Italia le misure del DPCM del giorno 8 marzo 2020

Ora tutto lo stivale è “zona rossa”.

Premier Giuseppe Conte, Milano “I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti”.

La responsabilità sarà quella di evitare su tutto il territorio nazionale gli spostamenti, e limitarli al massimo, a parte che in casi straordinari: come comprovati motivi di lavoro o per motivi di salute. Sostanzialmente cambiare le nostre abitudini e prestarsi a comportamenti che possano attivamente limitare la diffusione del virus. Un effetto sarà che la sospensione delle attività didattiche risulterà quindi estesa per tutti sino al 3 aprile.

Nell' Allegato 1 al decreto sono riportate le Misure igienico-sanitarie

 

 

 

CORONAVIRUS - Aggiornamento 8 marzo

Covid19 - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
 

Misure urgenti di contenimento del contagio

Nella regione Lombardia e nelle province di Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini; Pesaro e Urbino; Venezia, Padova, Treviso; Asti e Alessandria...   (continua a leggere )

CORONAVIRUS - Tutte le misure adottate

Consulta i documenti nella sezione Avvisi 

Referendum costituzionale del 29 marzo 2020

 

 

Elezioni Regonali Emilia Romagna del 26 gennaio 2020

 

 

Per conoscere in tempo reali i risultati delle elezioni

Domenica 26 Gennaio 2020 in Emilia-Romagna si vota per eleggere l'Assemblea legislativa e il Presidente della Giunta della Regione.

Apertura seggi: Domenica 26 Gennaio dalle ore 7 alle ore 23.

In vista di questo appuntamento elettorale, è online un apposito sito, realizzato in collaborazione tra Giunta e Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Aggiornamento Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2020-2022

Consultare la sezione Avvisi 

Contributi libri di testo a.s. 2019-2020

Anche per l’anno scolastico 2019-2020, gli studenti residenti nella regione Emilia-Romagna o residenti in una regione che applica il criterio della frequenza in materia di diritto allo studio, possono presentare domanda per beneficiare di contributi per i i libri di testo.

ATTENZIONE: la presentazione delle domande per ricevere il contributo per i libri di testo delle scuole secondarie di I e II grado per l'anno scolastico 2019/20 dovrà essere effettuata ON - LINE dal 16 settembre 2019 alle ore 18.00 del 31 ottobre 2019 utilizzando l'applicativo all'indirizzo internet:  https://scuola.er-go.it 

Chi può accedere ai benefici?
Studenti iscritti e frequentanti le scuole secondarie di primo e secondo grado del sistema nazionale di istruzione (statali, private paritarie e paritarie degli Enti Locali, non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale) e residenti sul territorio regionale oppure studenti iscritti e frequentanti le scuole secondarie di primo e secondo grado del sistema nazionale di istruzione dell'Emilia-Romagna e residenti in altre Regioni che erogano il beneficio secondo il criterio "della scuola frequentata".

Servono dei particolari requisiti?
Si. Essere di età non superiore a 24 anni, ossia nati a partire dal 01/01/1995 e appartenere a nuclei familiari che presentano un valore ISEE 2019 in corso di validità rientrante nelle seguenti fasce:
Fascia 1 ISEE da €  0,00 a € 10.632,94;
Fascia 2 ISEE da €  10.632,95 a  € 15.748,78

Il requisito relativo all'età non si applica agli studenti ed alle studentesse disabili certificati ai sensi della Legge n. 104/1992.

Chi deve presentare la domanda?
Il beneficio deve essere richiesto dal genitore o da chi rappresenta il minore (tutore o curatore) o dallo studente se è maggiorenne. Nel caso la domanda sia presentata dal tutore o dal curatore del minore, il Comune può richiedere la documentazione comprovante lo stato del dichiarante.

Come si presenta la domanda?
La domanda dovrà essere presentata esclusivamente ON - LINE utilizzando l'applicativo predisposto da ER.GO e reso disponibile all'indirizzo internet: https://scuola.er-go.it

Entro che termini deve essere presentata la domanda?
Dal 16 settembre 2019 alle ore 18.00 del 31 ottobre 2019.

Elezioni di domenica 26 maggio 2019: PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI

 

 

 

Elezioni di domenica 26 maggio 2019: RISULTATI ELEZIONI AMMINISTRATIVE

 

 

 

Elezioni di domenica 26 maggio 2019: RISULTATI ELETTORALI

 

 

 

ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 26 MAGGIO 2019 - CONVOCAZIONE DEI COMIZI ELETTORALI

ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL' ITALIA DI DOMENICA 26 MAGGIO 2019 - CONVOCAZIONE DEI COMIZI ELETTORALI

Elezioni Amministrative ed Europee del 26 maggio 2019

 

 

Approvazione obiettivi di accessibilità per l'anno 2019

Con Deliberazione della Giunta Comunale n. 24 del 27/03/2019 sono stati approvati gli obiettivi di accessibilità per l'anno 2019 (D.L. n. 179/2012, convertito con Legge n. 221/2012)

[Download] Obiettivi accessibilita 2019

Relazione di fine mandato anni 2014-2019

Art. 4 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 149

 

Il documento "Relazione di fine mandato_Sant'Agata Feltria_2019" (prot. 1662 del 20/03/2019) è stato inviato mediante l'applicazione ConTe  - Contabilità Territoriale - in data 20/03/2019. Ad esso è stato assegnato il protocollo 0001152-20/03/2019-SC_ER-T76C-A

[Download] Relazione di fine mandato Sant Agata Feltria 2019

Aggiornamento Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2019-2021

Consultare la sezione avvisi

L. 488/98 Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo

DGR 85/2018 Modalità per richiedere il contributo.

Domanda esclusivamente on-line dal 3 settembre alle ore 18 del 23 ottobre

Proroga dei termini per la domanda di adesione al Progetto per la conciliazione vita-lavoro

Proroga dei termini per la presentazione delle domande di adesione al progetto CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

 

Il termine per la presentazione delle domande per l'individuazione dei soggetti gestori dei centri estivi che intendono aderire al progetto "CONCILIAZIONE VITA-LAVORO" promosso dalla Regione Emilia-Romagna e rivolto agli alunni delle scuole dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado nel periodo di sospensione estiva delle attività scolastiche /giugno/settembre 2018) è prorogato alle ore 12.00 del 14 maggio 2018.

 

 

 

 

Progetto per la conciliazione vita-lavoro

Avviso per la formazione della graduatoria per l'assegnazione del contributo finalizzato alla copertura del costo di frequenza ai Centri estivi 2018 per minori  da 3 a 13 anni.

I Comuni del Distretto Rimini Nord  hanno aderito al “Progetto per la conciliazione vita-lavoro”, promosso dalla Regione Emilia Romagna, finanziato con le risorse del Fondo Sociale Europeo, a sostegno delle famiglie.

Tale progetto prevede l’istituzione di un elenco dei soggetti gestori di centri estivi, in possesso dei requisiti indicati nella Direttiva approvata dalla Regione Emilia Romagna con delibera n. 247 del 26.02.2018 e di ulteriori requisiti indicati nell’ “Avviso pubblico” approvato con determinazione dirigenziale n. 621 del 20.03.2018.

Destinatari del progetto sono i minori dai 3 ai 13 anni appartenenti a famiglie con reddito ISEE fino a 28.000,00 euro (ISEE minorenni) frequentanti un centro estivo presente nell'elenco dei soggetti gestori del Distretto di Rimini Nord o in altri elenchi distrettuali della Regione.

http://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/scuola-servizi-educativi/progetti-eventi-e-formazione/centri-estivi-2018-progetto-di-conciliazione

 

 

Piano Strutturale Comune (PSC) - Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE)

Con deliberazione di C.C. n. 69 del 23/11/2017 è stato adottato il Piano Strutturale Comunale (PSC) e il Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) del Comune di Sant'Agata Feltria.

Gli elaborati componenti il PSC e il RUE possono essere scaricati nella sezione Strumenti Urbanistici del sito web di questo Comune.

[Download] Avviso adozione PSC-RUE
[Download] Fac-simile osservazioni

CAMERA: RISULTATI DEFINITIVI

 

 

SENATO: RISULTATI DEFINITIVI

 

 

CAMERA DATI DEFINITIVI SUI VOTANTI ORE 23,00

 

 

SENATO DATI DEFINITIVI SUI VOTANTI ORE 23,00

Comunicato stampa del Gruppo Hera

[Download] CS contatori acqua - attenti al gelo

Avviso Unione di Comuni Valmarecchia - Convenzione per l'utilizzo delle graduatorie concorsuali del Comune di Rimini

[Download] prot 1632 del 22 febbr 2018

Elezioni politiche 2018, opzione di voto per corrispondenza degli elettori italiani temporaneamente all’estero

 

 

Aggiornamento Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2018-2020

Consultare la sezione avvisi

Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo anno scolastico 2017-2018

Avviso

Criteri per l'anno scolastico 2017-2017

Con deliberazione della Giunta Regionale Emilia-Romagna n. 1210  del 2.8.2017 sono  stati approvati per l’anno scolastico 2017/2018 i criteri e le modalità per la concessione dei contributi per l’acquisto dei libri di testo agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado della regione.  

DESTINATARI DEI CONTRIBUTI 

Gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado dell'Emilia Romagna appartenenti a famiglie che presentino un valore ISEE 2017, in corso di validità, inferiore o uguale a 10.632,94 Euro.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO. 

La compilazione della domanda dovrà essere effettuata da uno dei genitori o da chi rappresenta il minore o dallo studente se maggiorenne, utilizzando l'applicativo predisposto da ER.GO e reso disponibile all'indirizzo internet https//scuola.er-go.it esclusivamente dal 4 settembre al 23 ottobre 2017.

TEMPI

Dal 4 settembre al 23 ottobre 2017 : presentazione delle domande esclusivamente on line da parte dell' utenza.

Guida rivolta agli utenti per la compilazione della richiesta di contributo per l'acquisto dei libri di testo per gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. 

Avviso direttiva Bolkestein

Consultare la sezione avvisi

Proroga termini direttiva Bolkestein - Consultare la sezione avvisi

Aggiornamento Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2017-2019

Consultare la sezione avvisi

Sant'Agata Feltria

Panorama Sant'Agata Feltria
Panorama Sant'Agata Feltria

Situata al confine fra Marche e Romagna, Sant’Agata Feltria ha origini antichissime. Già abitata dagli Umbri Sarsinati, nei secoli successivi appartenne a vari feudi, fra i quali i Malatesta, i Montefeltro e poi ai Fregoso che diedero il nome alla rocca costruita verso il secolo X e restaurata da Francesco di Giorgio Martini nel 1474. Oltre alla già citata Rocca, ora sede di un museo permanente, Sant’Agata Feltria conserva uno stupendo e ben mantenuto centro storico e diversi complessi di notevole valore storico, tra cui il convento e chiesa di San Girolamo e soprattutto il teatro Angelo Mariani che, con struttura interamente in legno, è uno dei più antichi teatri d'Italia; il tutto dominato, dall'alto di Mont’Ercole, da un imponente bosco di castagni. Anche località periferiche hanno complessi di notevole richiamo storico artistico, in particolare Petrella Guidi con il suo borgo medievale ancora intatto. Del poderoso castello, che prevedeva due distinte cinte murarie difensive, è rimasta la torre. L'arco della porta, a tutto sesto, fa pensare a una costruzione di epoca romanica, nella chiesa di S. Apollinare Entro le mura castellane si venera un'immagine miracolosa della Vergine. Durante l'estate l'ambiente naturale circostante invita a escursioni a piedi e cavallo. Per gli amanti dello sport e della vita all'aria aperta sono disponibili campi da tennis, bocciodromi, maneggio, lago per pesca sportiva, aree campeggio ecc. Di particolare importanza è la "Fiera del tartufo bianco pregiato e dei prodotti agro-silvo-pastorali", manifestazione a carattere nazionale che si tiene annualmente nelle domeniche di ottobre. Durante questa manifestazione, divenuta una delle più visitate e importanti del settore in Italia, il tartufo bianco, prodotto caratteristico di questa zona appenninica , viene esposto, celebrato, valutato, venduto, cucinato e è degustato in tutti i modi. E al tartufo fanno corona altri tesori dell'Appennino, funghi, miele, castagne, piante officinali, prodotti del bosco della pastorizia e dell'agricoltura. La manifestazione santagatese non è soltanto la più ghiotta occasione per assaporare e gustare piatti a base di tartufo e funghi, ma anche un grande appuntamento per gli amanti dell'artigianato, dell'antiquariato e delle tante iniziative collaterali che per l'occasione vengono allestite. Da qualche anno a Sant'Agata Feltria a novembre si può degustare il formaggio stagionato nel banco di arenaria, essendo state riaperte le antiche fosse. E' sede del premio letterario "Il Pungitopo". A dicembre Sant’Agata Feltria si trasforma nel "Paese del Natale". Nell'ambiente pieno di fascino di questo paese medievale si può vivere il clima natalizio tipico dei Paesi Nordeuropei, fra musiche di zampogne, casa di Babbo Natale, elfi, slitte, renne e altre sorprese. Per l'occasione i ristoranti locali offrono uno speciale menu con "I Piatti dell'Avvento" Nel centro storico, tradizionale mercatino natalizio con vendita di prodotti tipici, addobbi e statuine della scuola napoletana e siciliana, arricchito da eventi culturali: una manifestazione tutta incentrata sulle suggestioni della tradizione natalizia.

WebCam Piazza Garibaldi [link]

Sant'Agata Feltria WiFi Free (Piazza Garibaldi) [link]

Cambio di residenza in tempo reale [link]

Carta d'Identità Elettronica (C.I.E.)

Portale per il cittadino

AGENDA PASSAPORTONLINE-Si comunica che è stato attivato il servizio di prenotazione degli appuntamenti presso a questura di Rimini per il rilascio del passaporto elettronico [link]

Codice disciplinare (art. 59 CCNL del 21/05/2018)

[Download] CODICE DISCIPL. ART. 59 CCNL 21.05.2018 01

Valori aree edificabili

[Download] Delibera G.C. approvazione valori aree edificabili
[Download] Valori aree edificabili

Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

[Download] DGC n. 96 del 26-10-2015
[Download] All. DGC 96-2015 - regolamento SMIVAP

BONUS ENERGIA

 
© 2005-2020 Comune di Sant'Agata Feltria - Gestito con docweb - [id]